L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Il SUP MULTITASKING è frutto di una importante attività di R&S sviluppata da FLO’SAIL, esso rappresenta una notevole evoluzione rispetto a quanto già presente sul mercato. Le linee d’acqua del SUP MULTITASKHING FLO’SAIL , sono quanto di più innovativo che ci sia oggi sul mercato.

Il SUP MULTITASKING, ha un volume opportunamente dimensionato e progettato per un galleggiamento ottimale e per una buona stabilità trasversale.

Semplificando, il SUP MULTITASKING è una carena dislocante la cui velocità teorica d’avanzamento è direttamente rapportata alla lunghezza.

Come si sa qualsiasi carena presenta una velocità critica data dalla formula Vm = 1,35 √(L) dove L è la lunghezza al galleggiamento dello scafo espressa in piedi e Vm la velocità espressa in nodi.

SUP MULTITASKING ha una forma ottimizzata per sfruttare i parametri di velocità e lunghezza, la carena è stata progettata con una rientranza detta ansa lunata che permette di aumentare la linea di galleggiamento (rispetto ad una equivalente tavola con “fuori tutta” uguale) con evidente vantaggio in termini di performance anche nel passaggio sull’onda.

L’ansa lunata del SUP MULTITASKING innesca anche il noto principio di Bernoulli: lungo la linea di galleggiamento scorre il filetto fluido in regine laminare (A), quando questi trova l’ansa lunata il suo percorso è più lungo, deve perciò accelerare per ricongiungersi al filetto fluido (B) che ha un percorso più breve.

L’accelerazione del filetto fluido (A) crea una depressione, quindi minore resistenza all’avanzamento della tavola.

L’ansa lunata ha anche il vantaggio di favorire lo stare a cavalcioni da parte della persona che utilizza la tavola, ciò è particolarmente importante per i bagnini nelle operazioni di salvataggio ed una maggiore comodità nella risalita dall’acqua.